Il giro completo in bici del lato interno del Lario: tanti chilometri, resi più leggeri dai panorami affascinanti del lago.

Questo giro è composto da tre tratti principali, che costituiscono i tre lati del triangolo: da Lecco a Como, da Como a Bellagio e da Bellagio a Lecco. i tre tratti hanno caratteristiche differenti, e questo ha reso vario e interessante il percorso.

 Lecco > Como

Lago di Annone

Lago di Annone

Questo primo tratto corre nell’interno, in una zona abbastanza densamente abitata, e quindi la strada era un po’ trafficata. La parte più interessante è la prima, quando si costeggiano i laghi di Annone e Pusiano. Più avanti si incontra l’unica leggera salita di questo giro, da Erba ad Albese con Cassano, dove in 4 km si sale al punto più alto del percorso, a 400 m. Ho percorso questi primi 27 km in circa un’ora, fino all’arrivo a Como con una ripida discesa scandita da diversi tornanti.

 

Como > Bellagio

triangolo_lariano_20140412_112235_HDR

L’Orrido di Nesso

Nel ramo comasco del Lario, la strada corre a mezza costa, sempre un po’ in alto rispetto al Lago. Il percorso è un continuo saliscendi, e quindi l’andatura alterna tratti veloci a tratti lenti… un bel allenamento! Il panorama è molto interessante: si attraversano diversi paesi, tutti molto arroccati al fianco della montagna, qui molto ripida.

Particolarmente suggestivo il passaggio accanto all’Orrido di Nesso, una impetuosa cascata che scava una profonda gola a picco sul lago.

Questo tratto è più lungo di tutto il giro, infatti tra Como e Bellagio percorro 30 km in poco più di un’ora.

Bellagio > Lecco

triangolo_lariano_20140412_122846_HDR

Il ramo lecchese

Svoltato il promontorio di Bellagio (dove non scendo… per non risalire!) inizia il terzo e ultimo tratto del giro, quello che mi ha riportato a Lecco.

Questo tratto è più facile del precedente, perché la strada non ha grandi variazioni di altimetria e corre bassa lungo il lago, fiancheggiando la riva del lago.

Questo ramo è meno abitato: l’unico vero paese che si attraversa è Onno, da cui parte la famosa salita verso la Valbrona.

Questo tratto è l’ideale per completare questo giro, il più lungo fatto finora: è più tranquillo, pianeggiante e piacevole, perché si pedala proprio accanto all’acqua. Tutto bello, se non fosse… per il forte vento contrario!

 

Località: Lecco > Como > Bellagio > Lecco
Distanza: 74 km
Dislivello: +220 m
Tempo: 2h 47′
Score: 45
Traccia GPS

Vota questo articolo
[Voti: 8    Media Voto: 3.5/5]