Mentre corri, prova a sentire quale parte del piede tocca terra per prima. E ora prova a togliere le scarpe e a fare qualche passo di corsa. Cosa è cambiato?

[showmyadsmobile]

Nei miei primi tre mesi di corsa, ho sofferto di infiammazione al tendine tibiale anteriore e, anche dopo la guarigione, di continui dolori alle caviglie.

Ho iniziato ad analizzare il movimento della corsa ed il modo in cui i miei piedi lavorano.

Ho capito che atterro con il tacco, con la gamba distesa. Quindi faccio la “rullata” ovvero il passaggio del peso dal tacco alla punta. L’abitudine di atterrare sul tacco è molto diffusa tra i runner ed è indotta dalla forma dalla scarpe ammortizzate, che hanno uno spessore maggiore in corrispondenza del tacco (di circa 1 cm)  per ammortizzare l’impatto col terreno.

Esiste un altro modo di correre, detto Corsa Naturale, che è il modo in cui si corre a piedi nudi: atterrando sulla parte anteriore del piede (avanpiede e mesopiede) ed ammortizzare l’impatto grazie all’elasticità del piede e della gamba. Questo movimento fa lavorare di più piede e polpaccio e riduce lo stress da impatto per le caviglie e le ginocchia.

Da un paio di uscite ho provato a controllare il movimento  e sono rimasto molto soddisfatto della sensazione alle caviglie! L’unica conseguenza che ho sentito è un maggiore impegno muscolare dei polpacci, che in effetti lavorano come “elastico” per accompagnare l’atterraggio.

A questo punto però le mie scarpe (Asics Gel 1170) non sono l’ideale per questo stile di corsa perché, come in tutte le scarpe ammortizzate, il maggiore spessore del tacco fa in modo che il tacco tocchi terra per primo. Per correre con atterraggio di avantiede/mesopiede, devo accentuare l’inclinazione in avanti del piede, affaticando maggiormente i polpacci.

Sto considerando quindi di comprare delle scarpe minimaliste, come ad esempio le New Balance Minimus Road MR00, che non hanno differenza di spessore della suola tra tacco e punta (drop 0), in modo da favorire la corsa naturale evitando che il tacco impatti per primo.

Stay tuned per gli sviluppi!

confronto-scarpe

Vota questo articolo
[Voti: 5    Media Voto: 4.4/5]