Non poteva esserci occasione migliore di questa Mezza di Bergamo per tornare a correre una mezza maratona: il percorso stimolante, l’organizzazione praticamente perfetta e la piacevolissima compagnia hanno reso questa giornata speciale e indimenticabile!

Anche quest’anno ho partecipato alla Bergamo Half Marathon, giunta alla sua seconda edizione dopo l’esordio (con successo) dell’anno scorso.

Questa volta però ho affrontato la gara con un atteggiamento completamente diverso dalle precedenti: senza ambizioni di record personale, ho potuto godere degli aspetti più piacevoli della corsa: ho potuto conoscere le vie della città in modo più profondo e diretto, e ho avuto l’occasione di correre in compagnia di amici vecchi e nuovi condividendo con loro la fatica, che ha il potere magico di unirci e farci sentire membri di una unica comunità anche se ci si conosce ancora poco.

Ancora a Bergamo, ma stavolta…

Avendo già partecipato alla gara l’anno scorso, fin dall’arrivo in città tutto mi era già familiare, ma quest’anno tutto mi appariva sotto una luce decisamente migliore: infatti l’anno scorso, prima della partenza, siamo stati travolti da un fortissimo temporale che, oltre a farci temere per lo svolgimento della gara, ci ha letteralmente inzuppati e infreddoliti!

bergamo-hm-01

La quiete prima della… partenza!

Quest’anno invece il tempo è stato ottimo: cielo sereno e temperatura mite. E la leggera foschia alla partenza ha reso i panorami della Città Alta ancora più affascinanti.

Grazie all’organizzazione per aver migliorato l’area allestita per il ritiro pettorali e per il deposito borse, ampliata rispetto alla prima edizione: ora disposta in numerosi gazebo in piazza, mentre l’anno scorso era un po’ troppo stretta sotto i portici.

Correre in compagnia… raddoppia il divertimento!

Nei momenti prima dell’inizio della gara, incontro gli amici Mattia Pirotti del G.P. Melzo e Francesco Bonometti dei Fò di Pe di Valbrembo. Con loro conosco altri amici runner (Cristiano e Simone) e incontro i compagni di squadra della Pro Patria Milano Triathlon Stefano Angelini (che non corre perché domenica prossima farà l’Ironman di Barcellona) e Diego Botta che incontro per caso sulla linea di partenza.

bergamo-hm-08

Simone, Mattia, Massimo (io) e Cristiano

Decidiamo di correre tutti insieme, ad un passo di circa 4’50″/km; per alcuni di noi è un passo molto tranquillo, per qualcun altro è vicino al proprio limite. Si concorda di partire tutti insieme e di decidere strada facendo se restare in gruppo.

Per me è la prima volta che corro una gara in compagnia, per di più di un gruppetto abbastanza numeroso. Forse perché per me il passo è in piena “zona comfort“, forse perché mi sento un po’ come il “senatore” del gruppo (se non altro per motivi di età!), correre accanto a questi nuovi amici mi da grande soddisfazione: ci scambiamo pareri e consigli, e il tempo e i chilometri volano via senza quasi che ce ne accorgiamo.

La storia della gara

Il percorso della mezza maratona di Bergamo è molto vario: il primo km è in forte salita in Città Alta, poi inizia la lunga discesa che dura fino al km 5. Una volta arrivati in Città Bassa, però, le salite non sono finite. Quasi tutto il percorso è caratterizzato da continui sali-scendi che, soprattutto alla fine, si fanno sentire nelle gambe e vengono accolti con “colorite esclamazioni” dalla maggior parte dei runner.
Intorno al 16° km, poco dopo il terzo ristoro, il nostro gruppetto si sfilaccia: Mattia, Cristiano e Dario mantengono un passo regolare, o rallentano leggermente, mentre io e Simone decidiamo di provare ad allungare il passo. Poco più avanti rispetto a noi c’è Francesco, che raggiungiamo e superiamo. Negli ultimi chilometri ci divertiamo a correre una bella progressione: acceleriamo a fino all’ultimo chilometro corso appena sotto i 4’00, superando in 3 km ben 53 concorrenti.

bergamo-hm-07

Tutti al ristoro!

L’arrivo in volata a 3’45” al km, fianco a fianco con Simone negli ultimi 500 m del rettilineo del traguardo, è la conclusione un po’ folle di questa gara, tutta orientata al divertimento!

Dopo il traguardo aspettiamo pochi minuti e il gruppo si riunisce: tutti soddisfatti, ci buttiamo nella mischia del ricco ristoro, ci raccontiamo le sensazioni degli ultimi chilometri prima di salutarci e darci appuntamento… all’anno prossimo, sempre qui a Bergamo! 🙂

 Distanza: 21 km | Tempo: 1h 43’47” | Località: Bergamo | Traccia GPS

 

 Cosa ho imparato oggi

Questa Mezza di Bergamo mi ha fatto capire che:

  1. Non è obbligatorio cercare la massima prestazione in ogni gara
  2. Correndo fianco a fianco con gli amici l’energia si moltiplica e i chilometri volano
  3. Adeguare il proprio passo a quello degli altri ti permette di condividere qualcosa di più profondo che solo i 21 km

Grazie ragazzi e grazie Bergamo per questa bella esperienza!

Aggiornamento: il Video

Se hai poco tempo, le parti migliori al minuto 03:00 (la partenza) e 09:00 (gli amatori)

Il video della Mezza Maratona di Bergamo

Il video della Mezza Maratona di Bergamo

Vota questo articolo
[Voti: 1    Media Voto: 5/5]