Correre per 20 km e 820 m di dislivello sui sentieri che solcano i vigneti della Valtellina, sfiorare antiche chiesette e torri diroccate, attraversare cantine vinicole… questo trail specialissimo mi ha fatto assaporare tutto un altro modo di correre!

Il Valtellina Wine Trail è stata la mia prima esperienza di trail running, la corsa in montagna su sentieri e sterrati. Quest’anno mi sono dedicato esclusivamente alle gare di podismo su strada, soprattutto Mezze Maratone. Ma la montagna è da lungo tempo nel mio cuore, e ultimamente la corsa in montagna mi ha incuriosito sempre di più.

I preparativi

Non avendo alcuna esperienza di trail, nelle settimane precedenti alla gara mi chiedevo quale attrezzatura mi sarebbe servita, quali condizioni di terreno avrei veramente incontrato… nel frattempo mi sono allenato sugli sterrati su e giù per il Monte Stella, la collinetta di Milano, alta solo 50m ma sufficiente per abituare gambe e tendini alle salite e allo sterrato.

Poi fortunatamente ho conosciuto Eligio, compagno di squadra della Pro Patria Triathlon, che ha una lunga esperienza di trail e ultramaratone. L’ho (facilmente) convinto a partecipare alla gara, e grazie ai suoi consigli, soprattutto in merito all’attrezzatura, sono arrivato alla gara pronto e tranquillo!

La partenza

L’organizzazione della gara si è rivelata ottima fin dalle formalità pre-gara: il ritiro pettorale e i preparativi alla partenza si sono svolti con grande cortesia e semplicità presso la pista di atletica del centro sportivo di Chiuro, località di partenza della gara.

La partenza dal campo sportivo di Chiuro

La partenza dal campo sportivo di Chiuro

Il meteo per fortuna è stato ottimo: dopo due settimane di pioggia ininterrotta, fin dalla mattina il cielo si è aperto sempre più e la temperatura, inizialmente vicina agli 0°C, si è rapidamente alzata appena il sole è comparso da dietro le montagne.

Insieme al mio socio Eligio abbiamo atteso la partenza e dopo il via abbiamo corso tutta la gara insieme, scambiandoci consigli e commentando la bellezza del percorso e del panorama.

La gara

A differenza delle gare su strada, il dislivello e il fondo di una gara trail non permettono di pianificare a monte il passo da tenere. Quindi ho deciso di correre esclusivamente a sensazione, risparmiandomi un po’ non sapendo quanto mi sarei stancato lungo il percorso.

Il tracciato prevedeva una prima salita abbastanza impegnativa, di circa 300 m di dislivello: l’ho affrontato con una corsa lenta ma regolare, che si è rivelato comunque molto efficace dato che ho superato moltissimi concorrenti che procedevano lenti o al passo. Sui tratti più ripidi anch’io ho smesso di correre e ho camminato con passo svelto, che è meno faticoso e più efficace.

Lungo in sentieri

Lungo i sentieri tra le vigne

Dopo il punto più alto del percorso, raggiunto dopo 5 km, il resto è stato un sali-scendi molto vario e abbastanza scorrevole; l’arrivo è stato in discesa fino alla piazza Garibaldi in centro a Sondrio.

Il percorso

Il percorso si è svolto quasi esclusivamente sui sentieri che attraversano i vigneti: il terreno era abbastanza compatto, nonostante i giorni di pioggia.

Lungo la gara, abbiamo toccato diversi punti molto spettacolari e panoramici: tre chiese, allineate lungo il versante nord della Valtellina; la torre di Castel Grumello, in posizione meravigliosamente panoramica sulla valle sottostante.

Torre di Grumello

Torre di Castel Grumello

La gara si chiama “Wine Trail” ed è pensata anche come momento di promozione dei vini tipici della Valtellina: così abbiamo avuto l’opportunità di attraversare persino una cantina, aperta per l’occasione, correndo tra file di botti di vino!

Passaggio in cantina

Passaggio in cantina

L’arrivo

Quando il percorso è definitivamente uscito dalle vigne, è tornato su asfalto e ha iniziato a scendere in maniera costante, abbiamo capito che l’arrivo era vicino. Ma le sorprese non erano finite, e infatti il percorso per arrivare in piazza Garibaldi a Sondrio ha percorso i vicoli del centro storico pedonale e infine il cortile ed il giardino del Municipio.

L’arrivo in piazza è stato esaltante: il pubblico era numeroso e molto entusiasta, e ancora più del solito mi sono sentito molto orgoglioso della (seppure piccola) impresa portata a termine!

L'arrivo in Piazza Garibaldi a Sondrio

L’arrivo in Piazza Garibaldi a Sondrio

Ma la festa non era finita all’arrivo: dopo una doccia calda nella palestra di una scuola vicina, ci attendeva uno straordinario ristoro con un menù valtellinese a base di pizzoccheri, bresaola, torta di uvette, vino… insomma un ristoro d’eccezione!

Questo insolito trail è stato per me un ottimo “battesimo” della specialità e mi ha convinto a riprovare altre gare, nei prossimi mesi!

 Distanza: 20 km | Dislivello: +820 m | Tempo: 02:03:48 | Traccia GPS  | Classifica

 

Vota questo articolo
[Voti: 1    Media Voto: 5/5]